I Ponti di Venezia – Quali sono i ponti più Famosi – Lista Ponti a Venezia

Questo post è disponibile anche in: Inglese

I Ponti di Venezia – Quali sono e Quanti ne esistono?  Lista Ponti di Venezia da Visitare

Oltre 400 sono ponti che uniscono le isolette di Venezia – Quali sono i ponti di Venezia

Ponte dell'Accademia - Ponti di Venezia
Ponte dell’Accademia – Ponti di Venezia

Quanti si visita Venezia una cosa spicca subito ai nostri occhi, sicuramente il fatto che Venezia è circondata interamente dall’acqua ma soprattutto il numero elevato di Ponti in marmo, in legno e di ferro che collegano le isolette di Venezia tra di loro.
Ce ne sono di vari tipi e dimensioni, i più famosi sono il Ponte di Rialto (quel ponte che solitamente si vede in tutte le cartoline, documentari posizionato al cuore del Canal Grande (l’unica via acquea che si può chiamare Canale mentre tutti gli altri sono Rii), oltre al Ponte di Rialto il Ponte Dell’Accademia realizzato in legno oggi giorno, ma nel corso degli anni ha subito diverse variazioni, infatti nell’anno dell’inaugurazione esattamente nel 1854 questo bellissimo ponte (simbolo di Venezia come il Ponte di Rialto) era costruito completamente in ferro.
Il ponte dell’Accademia doveva essere costruito in pietra come quello di Rialto ma non venne ma più finito, infatti la struttura in legno che oggi possiamo ammirare sarebbe ancora il ponte provvisorio. Nel corso degli anni per renderlo più robusto vennero integrate alcune parti in ferro, garantendo una stabilità maggiore.
Il ponte dell’Accademia è uno dei frequentati a Venezia, dopo il Ponte di Rialto, essendo il più vicino a San Marco (la zona più frequentata dai turisti) e collega due parti della città molto estese. Questo magnifico ponte fa parte dei famosi quattro sul Canal Grande ovvero partendo da Piazza San Marco ed entrando nel Canal Grande troviamo (Il Ponte dell’Accademia, Il Ponte di Rialto, Il Ponte degli Scalzi ed in finale il più recente ma meno amato dai veneziani per motivi che vedremo più avanti in questo articolo il Ponte della Costituzione anche detto di Calatrava).

Mi voglio soffermare di più sui ponti di Venezia che trovano posto nel Canal Grande, perché sono sicuramente quelli che vedrai di più durante il tuo viaggio a Venezia e voglio ritornare a parlare del famosissimo Ponte di rialto.

IL PONTE DI RIALTO – IL PIÙ ANTICO E FAMOSO DEI  PONTI DI VENEZIA

Ponti di Venezia - Ponte di Rialto
Ponti di Venezia – Ponte di Rialto

Due parole in più vanno scritte su questo maestosa costruzione che unisce il sestiere di San Polo con il sestiere di San Marco, come il ponte dell’Accademia inizialmente era in legno ed era un ponte elevatorio, ovvero aveva dei meccanismi che poteva fare passare le imbarcazioni più grandi che dovevano raggiungere le “porte da mar” dei gloriosi Palazzi Veneziani che si affacciavano della parte più interna del Canal Grande (un bellissimo libro Storie e Segreti del Canal Grande di Alberto Toso Fei ricerca informazioni importanti su questi palazzi.)
Questo ponte fu inizialmente un ponte di barche costruito nel 1181 da Nicolò Barattieri inizialmente chiamato Ponte della Moneta con il passare degli anni grazie alla crescita d’importanza del Mercato di Rialto (che esiste ancora oggi, dove potete comprare pesce fresco al mattino) ci fu la necessità di realizzare il Ponte in Legno che facesse passare anche le imbarcazioni, come ho scritto in precedenza e data l’importanza e la vicinanza al famoso mercato, venne battezzato con il nome di Ponte di Rialto. Negli anni successi però ci furono numerosi danni al ponte e quindi si decise attraverso un bando per il rifacimento del ponte di realizzare un nuovo progetto, che renda il Ponte di Rialto più stabile. A questo bando parteciparono famosi architetti come Jacopo Sansovino, il Vignola e Andrea Palladio.
Oggi il ponte che vediamo è ancora l’originale completato nel 1591 (con qualche manutenzione), disegnato da Antonio da Ponte. Questo progetto presenta una particolarità, sopra a questo unico ponte al mondo ci sono dei porticati con all’interno dei negozi veneziani, in quei tempi le persone pensavo che questo progetto potesse fallire, nel senso che si pensava che una struttura così pesante nel giro di poco tempo sarebbe crollata, ma fortunatamente questo non accadde mai, ed ancora oggi appunto possiamo godere di una delle meraviglie di Venezia ed simbolo di questa città. Il ponte di Rialto.

Percorrendo il Canal Grande troviamo quello che era fino a poco tempo fa l’ultimo dei ponti sul questa “Autostrada del Mondo” come la definisce Alberto Toso Fei nel suo libro, il Ponte degli Scalzi.

IL PONTE DEGLI SCALZIMERAVIGLIA DI VENEZIA

Il Ponte degli Scalzi è il terzo chiamato anche Ponte della Stazione perché nelle vicinanze della Stazione Ferroviaria di San Lucia. Realizzato in pietra è particolarmente alto e viene chiamato con questo nome perché si affaccia sulla Chiesa di Santa Maria di Nazareth ufficiata per oltre 300 anni (dall’ordine dei Carmelitani Scalzi).

Questo ponte fu realizzato su progetto di Eugenio Miozzi che fu anche l’autore di un’altro ponte sul Canal Grande niente meno che il Ponte Dell’Accademia, la data di costruzione risale al 1932. Una curiosità è che tutta un’arcata di questo ponte è stata realizzata con la Pietra D’Istria (I veneziani l’hanno utilizzata ampiamente nelle strutture e rivestimenti di pavimenti, ponti, canali, case, chiese, palazzi, fino alla fine del XVIII secolo. Fonte Wikipedia)

IL PONTE DELLA COSTITUZIONE – CHIAMATO ANCHE PONTE DI CALATRAVA

Ponti di Venezia - Ponte della Costituzione
Ponte della Costituzione – Ponte di Calatrava – Ponti di Venezia

Questo ponte di distingue da tutti gli altri la i materiali utilizzati per la realizzazione di questa opera (se possiamo chiamarla opera), e per la forma un po’ futuristica che non c’entra molto con Venezia ma che fortunatamente è posizionato vicino a Piazzale Roma (dove ci sono le macchine per intenderci) e quindi non rovina del tutto quell’antica atmosfera che si può trovare in altre zone di Venezia più centrali. Come da titolo questo è uno dei più famosi ponti di Venezia anche se di recente generazione, solamente perché attraversa il Canal Grande. Ci sono molte polemiche tra i Venezia e soldi spesi per la realizzazione di questo Ponte che secondo molti di noi non era importante realizzarlo, ma per motivi di soldi ed affari è stato realizzato. Il progetto prevedeva un ponte in vetro con delle luci sottostanti dove le persone camminano, ma ci furono degli sbagli, non vennero calcolate diversi fattori come la pioggia e le dimensioni degli scalini.

Molte sono state le denunce al Comune di Venezia dopo che persone anziane e non scivolavano facilmente con la pioggia e gli scalini erano poco visibili. Questo ponte posso dire ha anche rovinato il business di molti negozianti che si trovano dall’altra parte del Canale, perché il flusso dei turisti e veneziani è cambiato e preferiscono utilizzare questo ponte per raggiungere più velocemente la Strada Nova.

Questo ponte fu inaugurato dopo tanti anni per realizzarlo nel 11 Settembre 2008

Un ponte molto famoso anche se non utilizzato, o meglio utilizzato quando si fa la visita al Palazzo Ducale è il Ponte dei Sospiri.

IL PONTE DEI SOSPIRI – UNISCE IL PALAZZO DUCALE ALLE PRIGIONI

Un’altro ponte con una grande storia alle spalle, questo bellissimo ponte realizzato con Pietra D’Istria ha visto nel passato molti carcerati tra cui il famoso Casanova mentre raggiungevano le orribili prigioni veneziane.
Questo ponte infatti presenta  due piccole finestrelle da cui si può ammirare la Laguna Venezia, ed è chiamato Ponte dei Sospiri proprio perché si dice che i prigionieri sospiravano per l’ultima volta quando vedevano la Laguna prima di essere rinchiusi nelle fredde celle delle Prigioni della Serenissima.

Esistono moltissimi ponti a Venezia e sono oltre 400 questi sono i più famosi ed ho voluto descrivere brevemente la loro storia, una lista completa dei ponti di Venezia è disponibile su Wikipedia.

Vedi Anche

Video in Gondola cantando il padrino

VIDEO IN GONDOLA: Parla più piano

Questo post è disponibile anche in: IngleseVIDEO IN GONDOLA con SERENATA – Parla più piano …